Emissioni CO2 in aumento: colpa dei SUV

Secondo Transport & Environment, il continuo aumento di emissioni di CO2 nelle auto è dovuto al fatto che i produttori continuino a spingere SUV altamente inquinanti ritardando il lancio di veicoli più puliti.

 

suv 1

La CO2 delle nuove auto continua ad aumentare mentre le case automobilistiche spingono SUV inquinanti un anno prima della scadenza.
È quanto denuncia il gruppo ambientalista Transport & Environment (T&E).

I dati provvisori dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) riferiti a Islanda, Norvegia e Regno Unito mostrano un aumento dell’1,3% dell’inquinamento da carbonio delle nuove auto vendute nel 2019, che hanno emesso in media 122,4 grammi di CO2 per km, con un aumento di 1,6 g / km rispetto alla media dell’anno precedente.

Attualmente le case automobilistiche nell’UE devono raggiungere gli obiettivi quinquennali in materia di emissioni, con l’ultimo standard applicato nel 2015, e in questo modo possono ritardare il lancio di veicoli più puliti fino all’ultimo minuto.
Per fermare questo fenomeno, secondo T&E, in fase di revisione degli obiettivi di CO2 nel 2021, l’UE dovrebbe passare a scadenze annuali o semestrali.

È uno scandalo che a un anno dal loro obiettivo di CO2, le case automobilistiche stiano ancora spingendo i SUV inquinanti. – ha dichiarato Julia Poliscanova, Senior Director per i veicoli puliti della T&E – L’UE deve fermare questa massimizzazione degli utili a spese della salute pubblica e del pianeta, introducendo obiettivi di emissione annuali o semestrali. In questo modo le case automobilistiche porteranno più velocemente sul piazzale le auto a zero emissioni che hanno sviluppato”.

Un SUV medio a benzina venduto lo scorso anno ha alzato le proprie emissioni a 134 g / km, mentre la media delle altre auto a benzina vendute era di circa 121 g / km.

Più pesanti e meno aerodinamici e quindi meno efficienti in termini di consumo di carburante rispetto alle altre auto, i SUV al momento rappresentano il 38% delle auto nuove vendute in Europa, rispetto a quasi un terzo nel 2018 e al 7% nel 2008.

T&E rimprovera anche Italia e Spagna, dove si sta discutendo se inserire anche i SUV negli incentivi all’acquisto post Covid, e sostiene fermamente che nessuna auto a combustibili fossili con emissioni superiori a 95 g (che è l’obiettivo UE 2020/21) dovrebbe ricevere il sostegno dei contribuenti.

Le case automobilistiche che scelgono sconsideratamente di spingere i loro SUV più remunerativi ora chiedono denaro ai contribuenti per prolungare la loro miniera d’oro inquinante. – ha concluso Julia PoliscanovaGli incentivi nazionali alla rottamazione dovrebbero sostenere solo la transizione verso auto senza emissioni e un’industria automobilistica più competitiva e a prova di futuro”.


Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.