Autotrasporto e sostenibilità: pronti 100 milioni di € per il rinnovo del parco mezzi in chiave green

Dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili due provvedimenti che vanno nella direzione della trasformazione in senso ecologico dell’intero sistema della mobilità e della logistica.

Nuove opportunità per traghettare l’attività di autotrasporto verso una direzione più green e conseguire il rinnovo del parco mezzi con gli ulteriori vantaggi di riduzione delle emissioni e della crescita in termini di sicurezza stradale.

Sono questi gli obiettivi alla base dei due Decreti ministeriali che giovedì 18 novembre sono stati licenziati dal Ministro Enrico GiovanniniMinistero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili relativamente a: incentivi per gli investimenti ad alta sostenibilità e incentivi al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli che prevedono complessivamente 100 milioni di € per agevolare l’acquisto di mezzi più tecnologici e green.

Nello specifico, come si legge in una nota del MIMS, il DM relativo a “Investimenti ad alta sostenibilità” mette a disposizione delle imprese di autotrasporto: 50 milioni di € per gli anni dal 2021 al 2026 esclusivamente per l’acquisto di veicoli ad alimentazione alternativa, ecologici di ultima generazione, in particolare ibridi (diesel/elettrico), elettrici e a carburanti di ultima generazione (CNG, LNG).

In questo caso gli incentivi dipendono dalla tipologia e dalla massa complessiva del veicolo e vanno da un minimo di 4.000 € per quelli ibridi di massa complessiva da 3,5 a 7 tonnellate fino a 24.000 € per quelli elettrici oltre le 16 tonnellate. A questi importi si aggiunge un contributo di 1.000 € in caso di contestuale rottamazione di un veicolo diesel.

Il DM relativo ad “Investimenti finalizzati al rinnovo e all’adeguamento tecnologico del parco veicoli”, mette in campo ulteriori 50 milioni € per il biennio 2021-2022 per incentivare la sostituzione dei mezzi da parte delle imprese di autotrasporto, rottamando quelli più inquinanti e meno sicuri.

Questo decreto riserva una quota di 35 milioni € per l’acquisto di mezzi diesel Euro 6 solo a fronte di una contestuale rottamazione di automezzi commerciali vecchi e inquinanti.
In questo caso gli incentivi vanno da un minimo di 7.000 € a un massimo di 15.000 €.
Invece, per l’acquisto di veicoli commerciali leggeri Euro 6-D Final ed Euro 6 il contributo è pari a 3.000 €.

Una quota di 5 milioni € è riservata all’acquisto di automezzi a trazione alternativa (ibridi, elettrici, CNG e LNG) con incentivi che, anche in questo caso, vanno da un minimo di 4.000 a un massimo di 24.000 €, a cui si aggiungono 1.000 € in caso di rottamazione contestuale di un mezzo obsoleto.

Ulteriori 10 milioni € sono stati stanziati per l’acquisto di rimorchi e semirimorchi adibiti al trasporto combinato ferroviario e marittimo e dotati di dispositivi innovativi volti a conseguire maggiore sicurezza e risparmio energetico.

Dopo gli incentivi previsti per l’eliminazione degli autobus più inquinanti, i fondi del Pnrr dedicati al rinnovo dei treni e degli autobus, gli investimenti per porti più green, l’introduzione degli incentivi destinati alle aziende di autotrasporto conferma l’impegno del Governo verso una trasformazione in senso ecologico dell’intero sistema della mobilità e della logistica”.
Così il Ministro Enrico Giovannini che ha proseguito affermando: “L’autotrasporto è di fondamentale importanza per il funzionamento del sistema economico ed è chiamato, come altri settori, a contribuire in modo significativo alla transizione ecologica e all’aumento della sicurezza stradale”.
Il parco veicolare esistente ha un’elevata età media e mi auguro che le aziende di autotrasporto colgano questa opportunità per contribuire al rinnovamento dei mezzi in linea con le politiche dell’Unione europea volte alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti”.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.