Mercato auto e moto di seconda mano: in agosto anche l’usato in rosso

Ancora una volta, secondo l’ACI, le radiazioni superano le prime iscrizioni. Continua l’ascesa delle auto ibride nel nuovo, mentre, nell’usato, le alimentazioni tradizionali diesel e benzina mantengono la posizione.

Dopo che il mese di luglio ha segnato un consuntivo in chiaroscuro con volumi per l’usato di auto e moto ancora distante dai volumi pre-pandemia, l’ottavo mese dell’anno si chiude decisamente con il segno “meno” per il mercato dell’usato tanto a quattro, quanto a due ruote.

Lo afferma l’Automobil Club d’Italia nel comunicato di presentazione, in data 6 settembre, dei dati diffusi nel consueto bollettino mensile “Auto trend” analisi statistica a partire dai dati del Pubblico Registro Automobilistico.

Ebbene, lo scorso agosto i passaggi di proprietà delle auto al netto delle minivolture (ovvero i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) hanno evidenziato un calo del 6,8% rispetto all’ottavo mese dello scorso anno; un calo che scende ulteriormente al -11% se si considera la media giornaliera, dal momento che lo scorso mese, rispetto ad agosto 2020, ha avuto una giornata lavorativa in più.

In discesa anche i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale che, lo scorso mese, hanno registrato una variazione mensile in rosso del 20,5% rispetto allo scorso anno (con una media giornaliera che scende ulteriormente al -24,1%, per effetto della giornata lavorativa in più di cui s’è detto poc’anzi).

In estrema sintesi, scrivono dall’ACI, in agosto, ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 262 usate – per il secondo mese consecutivo oltre il doppio di quelle iscritte per la prima volta al PRA – e 182 se si considera il risultato complessivo dei primi otto mesi dell’anno.

Come da trend ormai consolidato negli ultimi mesi nel mercato del nuovo prosegue l’ascesa delle auto ibride a benzina che, lo scorso mese, hanno fatto registrare una quota di mercato del 30,3% superando le auto ad alimentazione tradizionale, sia diesel che benzina (quote rispettive del 21,1% e del 27,7%, in contrazione mensile rispetto ad agosto 2020 rispettivamente del 59,1% e del 49,8%).
Anche le auto elettriche hanno proseguito il trend in ascesa raddoppiando la loro quota mensile.

Per contro, nel mercato dell’usato le preferenze degli italiani continuano ad andare alle alimentazioni tradizionali diesel e benzina anche se, da tempo, la quota delle autovetture ibride a benzina ha iniziato la sua corsa per la conquista del mercato (in agosto la loro incidenza è stata del 2,5%).

Nel segmento dei trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale la parte del leone è andata alle auto diesel (56,9%, anche se, rispetto all’analogo mese 2020 il calo è evidente: -22,9%), mentre le ibride a benzina hanno raggiunto nel mese di agosto una quota del 2,9%.

Diminuiti, lo scorso mese, anche i passaggi di proprietà dei motocicli: -6,8% rispetto ad agosto 2020 e -11% in termini di media giornaliera (al netto delle minivolture). Tuttavia, nel totale dei primi otto mesi dell’anno, rispetto allo stesso range temporale 2020, per quanto riguarda i trasferimenti di proprietà l’ACI evidenzia incrementi del 25,7% per le autovetture, del 31,8% per i motocicli e del 26,7% per tutti i veicoli.

Il mese di agosto ha segnato anche, per la seconda volta il superamento delle radiazioni auto sulle prime iscrizioni con un tasso unitario di sostituzione di 1,18 (per ogni 100 auto nuove ne sono state radiate 118 nel mese di agosto) che, a livello degli otto mesi 2021 sale a 0,92.

Tuttavia, agosto ha segnato una variazione negativa rispetto al 2020 per quanto concerne le radiazioni auto: -5,4% (con una media giornaliera che sale al -9,75); viceversa, sono aumentate le radiazioni di motocicli che, lo scorso mese, grazie alla presenza di una giornata lavorativa in più, hanno segnato un incremento del 4,8%.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.