30 miliardi di euro spesi nel 2016 per manutenzione e riparazioni auto

Rispetto al 2015 vi è stata una crescita del 3,9%, dovuta all’aumento dei prezzi, del numero di veicoli in circolazione e dell’età media delle auto italiane.

meccanicoofficina

Secondo un recente studio dell’Osservatorio Autopromotec, gli automobilisti italiani nel 2016 hanno speso 29,5 miliardi di euro per la manutenzione e le riparazioni dei propri veicoli.
Nel 2015 tale spesa ammontava a 28,4 miliardi di euro, pertanto è stata registrata una crescita del 3,9%

Tra i fattori che hanno inciso sull’aumento della spesa per la manutenzione e le riparazioni di auto, va considerato l’incremento dell’1,1% dei prezzi, calcolato sulla base di una media ponderata dell’indice Istat del prezzo per la riparazione, di quello per la manutenzione e di quello per i pezzi di ricambio e accessori.

Un altro elemento determinante è stato l’aumento dell’1,4% del tasso di motorizzazione.

Infine, il parco auto circolante in Italia risulta vecchio e inefficiente.
Di conseguenza un maggior numero di automobilisti è dovuto ricorrere a interventi di manutenzione e riparazione nelle officine, per un incremento dell’1,3% rispetto al 2015.
tabellariparazioni2016
Con questi dati riprende fiato il settore dell’autoriparazione, che negli anni passati aveva registrato bilanci in rosso, in particolare nel 2012 quando la spesa per la manutenzione e le riparazioni subì una pesante contrazione del 10,5%.
Nel 2014 il mercato è ripartito con una crescita dell’1,4% ed un fatturato stimato a 27,1 miliardi, salito poi a 28,4 miliardi nel 2015 (+4,8%) e a 29,5 miliardi del 2016 (+3,9%).

Il trend positivo del settore dell’autoriparazione è stato infine favorito anche dall’evoluzione della situazione congiunturale, dall’adozione di tecnologie più avanzate e dall’introduzione sempre più frequente di nuovi dispositivi che hanno determinato, da un lato, un incremento del costo degli interventi di manutenzione e riparazione e, dall’altro, un costante rinnovo delle attrezzature.


Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.