Avviso acustico di retromarcia: il WP.29 ha adottato un nuovo Regolamento

Il Forum mondiale per l’armonizzazione dei regolamenti sui veicoli ha recentemente adottato un nuovo regolamento UN che armonizza il suono di avviso di retromarcia dei veicoli medi e pesanti la cui entrata in vigore è prevista a gennaio 2023.

Da tempo è ampiamento utilizzato nei veicoli commerciali medi e pesanti oltre le 3,5 tonnellate di peso un avviso sonoro di retromarcia in grado di allertare e salvaguardare la sicurezza delle eventuali persone nelle dirette vicinanze dei veicoli in manovra.
Tuttavia, fino a pochissimi giorni fa non esisteva una regolamentazione armonizzata a livello mondiale su questo particolare aspetto della sicurezza stradale.

Tra l’altro, la mancanza di una normazione specifica andava a compromettere la volontà di ridurre il rischio di incidenti e poneva un serio problema dal punto di vista delle doglianze circa la rumorosità di tali avvisi.
Per queste ragioni rendono noto dall’UneceCommissione Economica per l’Europa delle Nazioni Unite che ha fornito la notizia è diventata necessaria una normativa globale per il suono di avviso di retromarcia.

Ebbene, questa settimana il Forum mondiale per l’armonizzazione dei regolamenti sui veicoli (WP.29) ha adottato un nuovo Regolamento specifico delle Nazioni Unite sull’avviso acustico di retromarcia che dovrebbe entrare in vigore nel gennaio 2023 e la cui bozza è stata preparata da un gruppo di esperti dei governi e dell’industria, sotto la guida del Giappone.

Il nuovo Regolamento trova un equilibrio tra il garantire un suono di avvertimento sufficientemente riconoscibile e l’evitare il rischio di inquinamento acustico per ambiente e persone; inoltre, prevede anche disposizioni specifiche per i tradizionali segnalatori di retromarcia a volume fisso nonché per i dispositivi regolabili che selezionano automaticamente un volume adeguato in funzione del rumore ambientale.

Sempre secondo la nuova disposizione adottata dal WP.29, qual ora il medesimo livello di sicurezza può essere assicurato mediante altri dispositivi dedicati (come, ad esempio, sistemi di monitoraggio con telecamere di retromarcia installati sul veicolo e attivi), il suono di avviso di retromarcia può interrompersi temporaneamente, al fine di evitare disturbi sonori ed eventuali denunce da parte dei cittadini.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.